La Tigella

La crescenta o crescentina (nella forma plurale crescenti o crescentine) è un tipo di pane caratteristico dell'appennino modenese, ormai noto con il nome di tigella. È un prodotto agroalimentare tradizionale elencato con i nomi di tigella modenese, tigèla modenese, crescentina modenese, cherscènta modenese ed è molto consumato durante le feste e sagre; è preparato in pressoché tutte le trattorie del modenese e del bolognese.

 

Le crescentine venivano tradizionalmente consumate tagliandole a metà ed imbottendole con un pesto di trito di lardo di maiale e rosmarino e con Parmigiano Reggiano. Oggi, vengono anche imbottite di affettati e formaggi fino ad arrivare alle versioni dolci con marmellate o nutella.

Lo Gnocco Fritto

Lo Gnocco Fritto lo prepariamo secondo la ricetta più antica e tradizionale, ovvero impastando farina, acqua e latte. Viene fatto riposare per l'intera notte a temperatura ambiente coperto da un canovaccio. Dopo aver tirato la pasta, i rettangoli vengono tagliati uno ad uno, con la tradizionale rotella dentellata, che conferisce al gnocco il suo tipico bordo merlettato. É un fumante rombo di sottile pasta fritta in olio bollente che un tempo rappresentava la colazione ed il pranzo dei contadini. Il migliore, come il nostro, è leggero, non unto e si presenta come una nuvola di pasta che si gonfia durante la frittura. Appena fatto e ben caldo viene accompagnato da saporiti affettati tipici, formaggi ed un assaggio di parmigiano reggiano con aceto balsamico di Modena riserva.